Essere single in Corea del Sud

Ragazza coreana single

I coreani vanno spesso in giro in gruppo. La mentalità di gruppo è molto forte tra i coreani. Questa può essere un’estensione del concetto di famiglia nel confucianesimo, che ha fortemente influenzato la società coreana. Dunque, si possono sempre vedere coreani che mangiano, vanno a bere, guardano film con amici o colleghi, o a coppiette. Se si viene visti mangiare o bere o al cinema da soli, gli altri potrebbero pensare che non abbiate amici e considerarvi strani. Inoltre, alcuni ristoranti hanno menù che possono essere ordinati per due o più persone. Insomma, essere single in Corea del Sud non era facile fino a qualche tempo fa.

Cambiamenti nella società

Tuttavia, questo sta gradualmente cambiando e ci sono sempre più nuclei composti da una sola persona in Corea del Sud. Secondo una statistica del 2016 di Statistics Korea, il numero di nuclei famigliari composti da una sola persona è cresciuto del 400%, fino a 5,2 milioni nel 2015 (in rapporto a poco più di 1 milione nel 1990). E’ il tipo di nucleo famigliare più comune al giorno d’oggi, rappresenta il 27,2% della popolazione, rispetto al 26,1% di coppie, il 21,5% di famiglie da 3 persone, e il 18,8% di nuclei famigliari composti da 4 persone.

Questo è dovuto soprattutto a bassi tassi di natalità, aspettativa di vita più lunga, e al fatto che ci si sposa più tardi che in passato, o non ci si sposa proprio. Il gruppo di chi vive da solo è soprattutto quello dei trentenni, seguito dai ventenni e poi dai settantenni.

Ragazzo single coreano

Meglio soli che male accompagnati

Al giorno d’oggi i coreani sembrano essere maggiormente a proprio agio da soli, ed essere single è diventato sempre più accettabile. Per di più, mentre i coreani trascorrono ancora molto tempo in gruppo, vogliono anche passare tempo da soli a far cose che piacciono.

Si notano termini come 혼밥 (“honbap” – mangiare da soli),  혼술 (“honsul” – andare a bere da soli) e 혼영 (“honyeong” – guardare film da soli), presenti anche nei social network.  Il prefisso 혼 (“I”) deriva dalla parola 혼자 (“honja” – da solo).

In effetti, con la crescente importanza del business dei single, non è più una cosa negativa essere soli in Corea del Sud, la società coreana sta cambiando velocemente.

L’economia attorno ai single

In effetti, i single sono visti come una preziosa opportunità di business, definiti con la parola “solo economy” o “il-conomy” (il in coreano significa “uno”).

E’ facile notare una crescita dei convenience store (mini supermercati) che vendono pasti e beni di prima necessità in pacchetti monodose, negozi con piccoli mobili (mini armadi e tavolini piegabili) e piccoli elettrodomestici (piccoli cuociriso per due/tre porzioni). Così, cresce il numero di prodotti e servizi su misura per soddisfare i bisogni dei single. Per esempio, ci sono prodotti finanziari per clienti che vivono da soli, con servizi come carte di credito con punti dei convenience store e prestiti per chi affitta hofficetel (appartamenti con ufficio annesso).

C’è anche un hotel che offre pacchetti per vacanze benessere a clienti che vanno da soli a soggiornare. Un crescente numero di ristoranti che offrono menu per single con posti appositi per loro.
Ichimen, un ristorante di ramen giapponesi a Sinchon (Seoul), è famoso per le partizioni di legno che dividono i tavoli in cubicoli per clienti singoli.

Essere single in Corea del Sud, ragazza coreana

Fonti:

Kalbi Chiu: Korean Culture Blog
Kim Jung-soo, “Korean companies get ready for rise of single-person households“, Arirang News, 2017-03-09
Choi Sung-jin, “More single households boost solo consumers“, The Korea Times, 2016-10-01
Robin Koo, “Consumer Market Dynamics Changed by “Solo” Economy“, Korea Bizwire, 2014-03-31

Leave a comment