Oasis, un film duro

Oasis film coreano

Da un argomento scottante, Lee Chang-Dong è riuscito a creare Oasis, un film coreano duro, perfettamente controllato e sottile. OASIS narra la storia d’amore tra un giovane leggermente ritardato e una giovane donna sofferente di gravi problemi fisici, colpita da una forma di paralisi. Tuttavia, mai lo sguardo del regista è voyeuristico o sdolcinato. Il film conserva la modestia e la finezza che lo rendono un lavoro efficace.

Oasis, un film coreano duro

OASIS descrive l’amore quando si è privi delle modalità tradizionali di comunicazione. E’ il vero amore, anche se una delle prime scene (un tentativo di stupro) solleva timori sulla sua vera natura, e mette a disagio lo spettatore. Lee riesce brillantemente a dare una svolta all’inizio pesante del suo film, rimanendo credibile. E’ la disperazione che spinge la giovane donna a connettersi con l’unica persona che gli ha mostrato attenzione e desiderio, nonostante la violenza di questo desiderio. Lentamente le due si donano a vicenda.

Storie di umanità e di speranza

Qualche critica sociale è evidente in tutto il film, attraverso le rispettive famiglie dei due personaggi principali. Ma non è questo l’aspetto essenziale di OASIS. Già nel suo film precedente, PEPPERMINT CANDY, Lee si era rifiutato di mettere in scena la sua critica sociale e politica come protagonista, preferendo concentrarsi sul destino di un uomo colto nella storia del suo paese. Lo stesso principio viene applicato qui. Tuttavia, mentre per PEPPERMINT CANDY era necessario di conoscere la storia recente della Corea per non smarrirsi nella visione del film, OASIS è invece accessibile a tutti. Perché? Perché atteggiamenti e comportamenti descritti sono simili a quelle che abbiamo in Europa, lo sguardo su disabilità e sessualità è lo stesso. La forza del film posa sulle spalle dei due attori, sulla cui perfezione si costruisce il risultato. Moon So-Ri, soprattutto (qui nel suo ruolo più impegnativo fisicamente), è scioccante.

locandina oasis

OASIS è un film coreano duro, triste, ma ricco di umanità e di speranza.

Titolo originale: Oasis (오아시스)

Nazione: Corea del Sud
Anno: 2002
Genere: Drammatico
Durata: 132′
Regia: Lee Chang-dong
Con: Kyung-gu Sol, So-ri Moon, Jong-Il Hong

Il film coeano Oasis è stato proiettato a vari festival italiani, come al Far East Film Festival a Udine e ad ESTremamente Orientale a Padova.

Film consigliati

Lady Vendetta
Siworae – il mare
Poetry

% Commenti (4)

[…] 2003, l’allora Ministro della Cultura Lee Chang-dong diresse il toccante Oasis, un film sulla difficile relazione amorosa tra una vittima innocente del sistema giudiziario e una […]

[…] speciale regia e il premio Marcello Mastroianni al Festival del Cinema di Venezia del 2002 con il film Oasis (오아시스). Park Chan-wook ha conquistato il Grand Jury Prize a Cannes nel 2004 per il […]

Leave a comment