Sleeponomics, l’economia del sonno

Corea del Sud dormire

La Corea del Sud ha una società molto competitiva e molti coreani non riescono a dormire bene a causa dello stress e degli orari di lavoro dilatati. Sleeponomics, l’economia del sonno, sta crescendo rapidamente. Una nuova industria che ha molto da offrire ai tanti clienti.

Problemi del sonno nella Corea del Sud

C’è un crescente numero di persone in Corea del Sud che soffre di problemi del sonno, quali privazione del sonno e insonnia. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, nel 2014 i coreani dormono in media 469 minuti al giorno, 40 minuti in meno della media mondiale di 502 minuti, e la media più bassa tra i paesi dell’Organizzazione. Secondo il Servizio Sanitario Nazionale, i coreani del sud che hanno problemi del sonno erano 721.000 nel 2015, un grande salto rispetto ai 325.000 del 2011.

Ecco perché il termine sleeponomics, l’economia del sonno, è comparso in Corea del Sud. Dice la Korea Sleep Industry Association che il mercato per prodotti e servizi relativi al sonno in Corea è di 2 mila miliardi di won (1,77 miliardi di dollari americani).

cultura Corea del Sud
Prodotti per aiutare il sonno

In Corea del Sud si possono trovare una quantità di prodotti per aiutare a farsi una buona dormita. Per esempio “letti mobili”, che permettono all’utilizzatore di regolare gli angoli delle parti superiore, media e inferiore del letto. In precedenza erano comuni solo negli ospedali, mentre adesso sono prodotti di consumo per la casa.

Biancheria con piume d’oca o cotone, cuscini memory foam, coperte in microfibra, maschere per gli occhi riscaldate, profumo per cuscini, essenze rilassanti per il viso, spray per non russare e tende oscuranti sono in grande richiesta. Le vendite della bibita Soda Cow, che contiene succo di valeriana che è riconosciuta come calmante, sono raddoppiate dal suo lancio nell’ottobre 2016. Dispositivi indossabili come bracciali e orologi smart che controllano i bioritmi, le ore di sonno, i movimenti nel sonno e l’orario della sveglia, sono molto popolari nei negozi.

Consulenza per il sonno

La crescente importanza del buon sonno per i coreani ha portato alla nascita dei consulenti del sonno. Per esempio, i consulenti della manifattura locale di mobili Sleep D offrono suggerimenti per cuscini, materassi, mobili basati sulle abitudini del sonno, le preferenze e la forma del corpo dei clienti. Ci sono terapisti che aiutano i pazienti a rilassarsi e dormire profondamente.

Società coreana Corea del sud
I bar per riposare

A causa dell’amore dei coreani per il caffè, ci sono molti diversi bar in Corea del Sud. Recentemente, ci sono dei bar indirizzati ai clienti che vogliono un posto rilassante per farsi una bella dormita. Per esempio, esistono bar “di guarigione”, con sedie massaggiatrici che sembrano posti di prima classe in aereo. Qui i clienti possono bere tè o caffè, fare un massaggio o schiacciare un pisolino. I costi del servizio, bevande incluse, sono di 9.900 won per 30 minuti e 13.000 won per 50 minuti. Ci sono anche stanze del pisolino dove la gente può buttarsi a riposare in capsule individuali nei quartieri degli uffici. Queste stanzette sono visitate dagli impiegati, per esempio, durante il pranzo. Fare una siesta in questi locali costa tra i 5.000 e i 10.000 won all’ora.

Sleeponomics, l’economia del sonno

Sleeponomics, l’economia del sonno: Dormire bene è adesso un’importante parte della cultura coreana. Buona notte!

Fonti:

Kalbi Chiu: Korean Culture Blog
Song Sang-ho, “Sleepless nights give rise to new booming industry in Korea“, Yonhap News Agency, 2017-03-16
Song Kyoung-son, “Market shows interest in a good night’s sleep“, Korea JoongAng Daily, 2017-02-27
Jeon Ji-hyun and Lee Sae-bom, “S. Korean sleeponomics market thriving amid sleep deprivation“, Pulse, 2016-01-15

Post Correlati

Leave a comment